I.T. TECNOLOGICO “CASTIGLIONI” DI LIMBIATE

Via Garibaldi, 115
Limbiate (MB)
https://www.iiscastiglioni.edu.it

L’ISTITUTO

Istituto Tecnico settore Tecnologico, Agraria e Agroindustria; Istituto Professionale settore servizi per l’Agricoltura e lo Sviluppo Rurale.
Il nuovo professionale Agricoltura e Sviluppo Rurale, Valorizzazione dei Prodotti del Territorio e Gestione delle Risorse Forestali e Montane.

L’IIS Castiglioni di Limbiate si trova nella parte nord della provincia di Monza e della Brianza, che è un contesto territoriale solido dal punto di vista economico e caratterizzato dalla presenza di imprese industriali, con una realtà di artigianato molto significativa e differenziata, e di imprese del settore terziario. Attualmente le imprese in provincia di Monza e Brianza sono complessivamente 3.950 unità di cui il segmento dei servizi rappresenta il 40%, quello del commercio il 26%, le costruzioni il 19%, l’industria il 14% e l’agricoltura l’1% (Fonte: Camera di Commercio di Milano, Monza e Brianza e Lodi su Dati Registro Imprese 2° trimestre 2018). Per quanto riguarda l’ambito agricolo, negli ultimi anni si è registrato uno spostamento sensibile delle attività dal settore cerealicolo-zootecnico a quello florovivaistico e di manutenzione del verde.
L’Istituto Castiglioni si è adattato al contesto in cui si trova dando sempre più una connotazione florovivaistica all’azienda interna. La peculiarità della scuola è infatti quella di essere l’unico istituto agrario della provincia di Monza e della Brianza ad avere una vera e propria azienda al suo interno, che grazie all’estensione dei terreni ed alla varietà delle strutture presenti (serre, orti, stalla, vigneto, frutteto, ecc…) permette agli studenti di sperimentare una didattica innovativa che vede sempre in stretta connessione l’aspetto teorico degli studi affrontati e l’aspetto pratico legato alle esperienze in campo. Sia nel
percorso professionale sia in quello tecnico gli studenti vivono normalmente la realtà dell’azienda durante l’attività curricolare o partecipando ai diversi progetti extracurricolari pomeridiani o frequentando gli stages esterni che si affiancano ai percorsi di PCTO presso le aziende del territorio.
Il forte legame della scuola con la natura e il territorio ha come inevitabile e fondamentale ricaduta l’attenzione a tutte le tematiche ecologiche e ambientali di attualità, che vanno dall’agricoltura sostenibile al rispetto della biodiversità. Questa attenzione è confermata dal fatto che nel 2019 la scuola ha vinto il primo premio del WWF con un progetto sulla salvaguardia dello scoiattolo rosso, nonchè 2 premi regionali per progetti realizzati in collaborazione con il parco delle Groane.

L’approccio laboratoriale allo studio si estende a tutte le materie dell’area STEM (scienze, tecnologia, ingegneria e matematica) grazie alla presenza di laboratori di chimica e di scienze e a una dotazione importante di strumenti topografici. Queste aree disciplinari risultano particolarmente significative, in quanto recenti studi stimano per i prossimi anni un aumento delle domande di personale con elevate competenze nelle STEM.
Il bacino di provenienza degli alunni è molto ampio; gli alunni frequentanti la scuola provengono da 5 province diverse (Milano, Monza e Brianza, Lecco, Como e Varese) e da più di 100 comuni diversi. L’ampiezza del territorio di riferimento permette di avere ragazzi che portano con sè un bagaglio di esperienze culturali e di tradizioni lavorative molto eterogenee e quindi è un’opportunità di confronto con realtà differenti; confronto reso possibile anche grazie alla presenza importante di reti di scuole nella provincia di Monza e Brianza.
Il contesto socio-economico di provenienza è medio-basso, in quanto la percentuale di studenti con famiglie svantaggiate è leggermente superiore alla media della Lombardia (1,0% contro 0,3%). In questo contesto la scuola svolge un ruolo sociale molto importante, per cui si sviluppa negli studenti un forte senso di appartenenza e nelle famiglie il desiderio di partecipare alla vita scolastica, creando una vera e propria comunità educante allargata che si ritrova periodicamente ad organizzare le manifestazioni della scuola e che si è organizzata in una associazione no profit (gli Amici della Sagraria).
La particolare tipologia dell’istituto, che permette un contatto continuo con la natura e con gli animali, determina la presenza di diversi studenti con fragilità. La presenza consistente di studenti con bisogni educativi speciali costituisce comunque un’opportunità sul piano educativo e didattico sia per gli studenti che per la scuola, in quanto impegna a misurarsi con situazioni personali, capacità e abilità diverse, aumentando la capacità di inclusione sia da parte della collettività sia da parte dei singoli studenti. Un ulteriore aspetto positivo è il fatto che il conseguente numero elevato di insegnanti di sostegno permette di mantenere molto basso il rapporto studenti/docenti, permettendo di diversificare e personalizzare in modo sempre più articolato il percorso scolastico degli studenti, spezzando il gruppo classe in sottogruppi che svolgono attività diverse in parallelo. E’ invece modesta la presenza di studenti con cittadinanza non italiana.

INTERVENTI DEL PROGETTO SI

in aggiornamento

close