ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ANTONIO BADONI

Via Rivolta 10
Lecco
http://www.iisbadoni.gov.it

L’ISTITUTO:

L’istituto “Badoni” nasce nel 1940 quando, per volontà del Comune di Lecco, è stato fondato l’ELIP (Ente Lecchese per l’Insegnamento Professionale) sia per rispondere ai bisogni del sistema produttivo del territorio sia per formare tecnici in grado di supportare lo sviluppo dell’industria lecchese. La storia dell’Istituto è quindi strettamente legata alle vicende sociali del territorio da oltre sessant’anni.

L’Istituto annovera tra i propri doveri quello di innovare il modello di formazione per fornire agli studenti le competenze necessarie a trovare una buona occupazione in un sistema industriale impegnato da oltre ven’anni a confrontarsi nel contesto complesso del mercato globale, senza dimenticare di fornire il migliore grado di istruzione per affrontare l’Università. Tra i vari settori aziendali con cui si relaziona la scuola sul territorio troviamo i servizi alle imprese, il terziario avanzato, l’università e la ricerca.

L’offerta formativa comprende sia un Liceo delle scienze Applicate sia un Istituto Tecnico Tecnologico con articolazione in Elettrotecnica ed elettronica, Informatica e telecomunicazione e Meccanica.

INTERVENTI DEL PROGETTO SI

Gli ambiti di intervento del Progetto SI – Scuola Impresa Famiglia, sono stati concordati con l’istituto in modo da rispondere alle esigenze più urgenti in coordinamento e sinergia con le altre iniziative in corso. Gli interventi hanno riguardato:

 

Laboratorio industria 4.0: la fornitura consiste in componenti hardware necessari per implementare sperimentalmente l’approccio di Virtual Commissioning così come teorizzato da industria 4.0. Il Virtual Commissioning consiste nel realizzare il modello virtuale di un processo di automazione così realistico da permettere lo studio dell’ergonomia e della ciclica di funzionamento prima di procedere alla realizzazione fisica della macchina. Lo stesso modello, può essere utilizzato per sviluppare e testare il software in parallelo al montaggio ed al cablaggio della macchina stessa, in modo da abbreviare i tempi di realizzazione. Questo intervento ha permesso di dotare l’istituto, di una delle principali tecnologie abilitanti di Industria 4.0.

 

Laboratorio di IoT (Internet of Things): è stato fornito un kit CTC101 basato su Arduino contenete il materiale necessario per un corso completo a livello hardware e una piattaforma di e-learning per docenti e studenti. Al fine di favorire l’attività sperimentale all’interno dell’Istituto e tra i diversi indirizzi sono anche state fornite delle schede Raspberry e delle schede Nucleo, unitamente ad un buon numero di sensori MEMS per acquisire dati dal campo. Scopo delle attrezzature è quello di permettere agli studenti di interagire con tecnologie che permettano loro di sperimentare i principi basi della acquisizione, trasmissione, archiviazione ed elaborazione di dati tramite microcontrollori, modalità tipica dell’Industria 4.0.

 

Laboratorio di pneumatica: è stata fornita una soluzione completa che permette agli studenti di studiare in simulazione i circuiti pneumatici con l’applicativo FluidSim di Festo, di provarli in modalità virtuale con lo stesso software e di mettere in pratica quanto sviluppato sulle stazioni sperimentali (MecLab). Il materiale è costituito da tre stazioni che possono essere usate singolarmente piuttosto che in serie così da realizzare un mini-impianto di produzione. Scopo dell’intervento è di completare il laboratorio di pneumatica con strumenti di simulazione e di sperimentazione pratica basati su componenti industriali.

 

Laboratorio di realtà virtuale: è stato fornito un visore per realtà virtuale utilizzabile dagli studenti in diversi ambiti applicativi:

– visualizzazione ed interazione con mondi virtuali 3D generati con gli opportuni ambienti di sviluppo;

– visualizzazione di progetti 3D realizzati con opportuni applicativi in modo da verificarne la correttezza e la funzionalità; progettazione e programmazione di celle di robotica completamente virtuali (con l’ausilio del software Robot Studio di ABB).

Lo scopo è di permettere agli studenti di sperimentare la realtà virtuale e la realtà aumentata come tecnologie abilitanti di Industria 4.0.

 

 

Laboratorio di robotica virtuale: è stato fornito, grazie ad ABB, un pacchetto di licenze education di Robot Studio, un ambiente per la simulazione e la programmazione “fuori linea” dei robot.

RobotStudio è basato su ABB VirtualController, una esatta riproduzione del software che controlla il funzionamento dei robot “in produzione”. In questo modo si possono effettuare simulazioni estremamente realistiche, utilizzando programmi e file di configurazione identici a quelli usati sull’impianto.

Scopo della fornitura è quello di permettere agli studenti di programmare i robot in un ambiente simulato prima di utilizzarli realmente.

 

 

Laboratorio di visione industriale: sono state fornite due telecamere industriali (una che acquisisce immagini in scala di grigi ed una a colori) con lo scopo di avvicinare gli studenti ai sistemi di elaborazione di immagini che stanno conoscendo una sempre più ampia diffusione negli impianti produttivi industriali.

close