ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE “LORENZO COBIANCHI”

Piazza Martiri di Trarego, 8
Verbania
http://www.cobianchi.it

L’ISTITUTO

L’Istituto ha sede nel Verbano, area di confine internazionale e interregionale, in un contesto di imprese metalmeccaniche di piccole e medie dimensioni che producono particolari di precisione per l’industria aeronautica. Nel corso della sua storia, iniziata nel 1886 come “Scuola d’Arti e Mestieri” ha continuato a svilupparsi e rinnovarsi in relazione alle profonde trasformazioni della struttura economico-sociale del territorio. Dopo un lungo periodo di sperimentazione e il rinnovamento delle strutture e delle attrezzature scientifiche, dal 2010 ha avviato il riordino con i nuovi indirizzi tecnici e liceali. Nel corso del 2012 l’Istituto è diventato Istituto Superiore di Istruzione con i due ambiti di Istituto Tecnico e Liceo. La scuola si contraddistingue per la sua didattica laboratoriale, modalità privilegiata e distintiva, non solo negli ambiti tecnico-scientifici, ma più in generale nel processo di insegnamento-apprendimento.

L’Istituto offre piani didattici articolati secondo i seguenti indirizzi: Corsi tecnici con indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia; Elettronica ed Elettrotecnica; Informatica e Telecomunicazioni; Chimica, Materiali e Biotecnologie e Corsi Liceali con indirizzo linguistico e delle Scienze applicate.

INTERVENTI DEL PROGETTO SI

Gli ambiti di intervento del Progetto SI – Scuola Impresa Famiglia, sono stati concordati con l’istituto in modo da rispondere alle esigenze più urgenti in coordinamento e sinergia con le altre iniziative in corso. Gli interventi hanno riguardato:

 

Laboratorio di automazione: è stato fornito il software di programmazione dei PLC Siemens, ovvero computer specializzati in origine nella gestione o controllo dei processi industriali. Scopo dell’intervento è di fornire un ambiente di sviluppo aggiornato pienamente funzionante anche sulle più aggiornate versioni del sistema operativo Windows.

 

Laboratorio di IOT: sono state fornite delle schede Raspberry unitamente a dei kit di sensori MEMS per permettere agli studenti di implementare degli applicativi che prevedono l’acquisizione di grandezze fisiche. Scopo delle attrezzature è quello di permettere agli studenti di interagire con tecnologie che consentano di sperimentare i principi basi dell’acquisizione, trasmissione, archiviazione ed elaborazione di dati tipica di Industria 4.0 tramite microprocessore.

 

 

Laboratorio misure elettroniche: è stato fornito un completo kit hardware e software basato sulle unità myDaq di National Instruments per la realizzazione di esperienze di misure in ambito elettrico ed elettronico; il sistema fornito, se utilizzato con PC portatili, permette anche l’acquisizione di misure e di dati in mobilità. Scopo specifico dell’intervento è quello di permettere agli studenti l’esecuzione di misure e la realizzazione di software di acquisizione e di elaborazione dati con una strumentazione molto diffusa in ambito applicativo ed industriale.

E’ stato fornito anche LabView, il software di progettazione di sistemi pensato appositamente per lo sviluppo di applicazioni di test, misura e controllo di National Instruments.

Lo scopo è quello di mettere a disposizione degli studenti una piattaforma di sviluppo aggiornata e ampiamente diffusa in ambito applicativo.

 

 

Laboratorio di robotica collaborativa: è stato fornito il robot collaborativo ed educativo e.Do di Comau. Il robot e.DO è caratterizzato da sei gradi di libertà ed è dotato di mano di presa e di tablet per la programmazione. Lo scopo è duplice in quanto il materiale permetterà agli studenti di:

– sperimentare la robotica collaborativa 4.0 che prevede che il robot lavori in sinergia con gli operatori umani;

– apprendere ed utilizzare il linguaggio di programmazione di eDO come esempio di soluzione di sviluppo software.

Nello specifico permetterà ai meccanici di implementare operazioni di manipolazione e di “pick & place”, agli informatici di approfondire lo studio della programmazione dei robot (la soluzione proposta è completamente Open Source) ed agli elettronici di interfacciarlo con il sistema produttivo, con particolare riferimento al PLC.

 

PARTECIPAZIONE SI_FABBRICA

Vincitore 2° classificato, categoria: robotica

Robot Guida RoG

La robotica è una disciplina che studia e sviluppa macchine, che possano affiancare l’uomo nella vita quotidiana in ambito lavorativo ma anche sociale e domestico. Il progetto RoG si prefigge l’obiettivo di aiutare disabili e anziani con problemi di tipo visivo o motorio. Infatti, robot sviluppato, soprannominato “Guido”, è pensato per guidare persone ipovedenti in ambienti domestici o anche in contesti pubblici, come gli ospedali.

II robot si orienta grazie ad una serie di sensori a bordo, e impiega la visione artificiale per riconoscere QR code o flag colorati, è in grado di comunicare con l’utente mediante sintetizzazione vocale.

allegato-b-rog

Robot Guida RoG

PARTECIPAZIONE SI_FABBRICA

Categoria: Robotica

Utilizzo di un braccio robotico antropomorfo per la scrittura analogica attraverso un pennarello.

In particolare il progetto prevede:

1 La progettazione e la costruzione del supporto porta pennarello da interfacciare con il terminale del braccio robotico.

2 La programmazione del Robot per scritture analogiche semplici.

3 Interfacciamento del Robot con un Drone da interno.

allegato-b-scrittura-con-braccio-andropomorfo

Scrittura analogica con braccio antropomorfo

PARTECIPAZIONE SI_FABBRICA

Categoria: Internet of Things

Il progetto è stato pensato come prototipo di una cocktail machine che potrebbe essere utilizzata in bar discoteche, ecc . per automatizzare la miscelazione dei liquidi nella produzione di cocktail. Il progetto è partito dalla progettazione del sistema e dalla scelta del tipo di controllore. La scelta è stata tra controllore auto costruito con microcontrollori della famiglia Microchip, schede a microcontrollore commerciali del tipo di Arduino o simili, PLC. La scelta è caduta su schede a microcontrollore commerciali, Arduino Mega, sia per il costo che per la facilità di progetto. La scelta del tipo di motore è stata fatta dopo alcune prove sperimentali sul sistema ed alla fine sono stati utilizzati motori passo passo nema 17 per il cui controllo è stata scelta una scheda commerciale.  La realizzazione ed il collaudo sono state effettuate per parti di progetto, a partire dalla struttura meccanica e dal controllo del motore per il movimento orizzontale che avviene tramite una cinghia i cui supporti, dopo varie prove, sono stati realizzati con una stampa 3D. Da ultimo sono stati realizzati e collaudati i sensori che rilevano quando il bicchiere raggiunge il distributore. Il software di controllo, che è stato realizzato funzione per funzione, attiva una serie di movimenti automatici del carrello che posizionano il bicchiere sotto i distributori dei liquidi che fanno parte del cocktail e premono l’erogatore per un tempo calcolato in base alla quantità del dosatore (30 cl) che trattiene il liquido nella coppa per farlo scendere.

L’interfaccia utente per la scelta del cocktail è stata, in una prima fase nell’anno scolastico 2018/19, realizzata con uno smartphone che comunica con Arduino tramite interfaccia bluetooth. In una fase successiva, nell’anno scolastico in corso,  rimpiazzata da uno schermo controllato da Raspberry PI.

Il risultato è un prodotto funzionante, che potrebbe richiedere dei miglioramenti a livello estetico, di precisione e sulla sicurezza.

allegato-b-cocktail_machine

Cocktail machine

STUDENTI ALL’OPERA

close